SERIE B: Antonino Sabatino si unisce alla squadra!

FB_IMG_1553168622990

Un altro giovanissimo in arrivo alla corte di coach Russo per la prossima stagione del campionato nazionale di serie B. Si tratta di Antonino Sabatino, play – guardia di 184 cm classe 2000, originario di Caserta ma proveniente dalla Scandone Avellino, con la quale ha disputato tutta la scorsa stagione nel roster della serie A1, dopo aver esordito in una gara di quella precedente. Per lui anche la partecipazione, sempre con la squadra irpina, al torneo Next Generation che ha opposto le formazioni under 20 delle società di serie A, con epilogo a Firenze durante le finali della Coppa Italia 2019. Una partecipazione conclusa con doppia cifra media nei punti realizzati e nella valutazione. Nel campionato di serie A per lui 30 minuti sul parquet con 15 punti totali realizzati ed un high di 6 punti in 9 minuti nella gara della 5° di andata contro la Dolomiti Energia Trento. Anche per Antonino si tratta di un arrivo in una nuova realtà, quella del campionato di serie B, nella quale siamo sicuri potrà dare un contributo efficace alle sorti della squadra rossoblù. Ecco le sue prime parole da nuovo componente della compagine cecinese.

D. Benvenuto a Cecina, Antonino; dopo aver disputato una intera stagione nel roster di una formazione di Serie A, un impegno importante in una serie inferiore, la B dove sarai chiamato a prenderti maggiori responsabilità. Quali sono le motivazioni del tuo arrivo a Cecina ??

R – La motivazione principale è quella di mettermi in discussione passando da un ruolo marginale ad uno da protagonista e quindi assumendomi anche le responsabilità che questo ruolo comporta

D: Prima stagione così lontano da casa, anche se già quest’anno eri stabilmente ad Avellino. Arrivi in un gruppo in massima parte giovane e che dovrà cercare di trovare subito l’amalgama visto i molti giocatori nuovi. Ti trovi meglio nel ruolo di play o in quello di guardia ??

R- Ad essere sincero non ho una preferenza specifica fra i due in quanto entrambi hanno aspetti positivi e ho sempre giocato indistintamente in ambedue i ruoli adattandomi alle differenti situazioni

D- Doversi “sbattere” per una stagione intera in allenamento contro giocatori come Sykes o Filloy cosa ha portato nel tuo bagaglio di esperienza ??

R – Filloy e Sykes sono due giocatori dai quali ho appreso molto, in particolare dal primo le doti del play-making, dal secondo la “work mentality” e il suo mortifero 1vs1

D- Un girone dove ti troverai a dover disputare diversi derby, sempre molto infuocati, ma anche a dover raggiungere per 3 volte la Sicilia, Cosa puoi promettere ad un pubblico caloroso come quello rossoblù ??

R – Ciò che posso promettere è che darò tutto me stesso giocando in una piazza cestistica molto seguita come lo è Cecina. Ma lascerò che sia il campo a parlare per me.

facebooktwittermailfacebooktwittermail