Ancora una avversaria piemontese per il Basket Cecina. Nell’ottava di ritorno i rossoblù di Roberto
Russo saranno infatti impegnati sul parquet di Cameri contro l’Oleggio Basket, formazione che si
trova attualmente a quota 10 punti in classifica insieme alla Cestistica Torrenovese ed alla Gessi
Valsesia. Un incontro del tutto diverso da quello vinto domenica scorsa contro Alessandria,
formazione giovane e dinamica, visto che Oleggio fa dell’esperienza uno dei suoi punti di forza,
anche se potrebbe non avere a disposizione Benzoni, uno dei suoi uomini migliori come dicono le
cifre delle gare giocate fino a questo momento. La formazione di coach Passera, subentrato nel
corso della stagione a Remonti, nella scorsa giornata è stata battuta al PalaTenda di Piombino,
dimostrando però molta combattività e riuscendo a tornare sotto nel punteggio anche dopo un
allungo perentorio della formazione piombinese. Oleggio porta ben cinque giocatori in doppia cifra
media, oltre al già citato Benzoni l’altro espertissimo della categoria, Pilotti, Testa, Giacomelli e
Maruca, giocatore non presente all’andata nel roster piemontese e proveniente dalla Robur
Varese. A garantire gioco alla squadra piemontese c’è il 33enne play Grugnetti, mentre
sottocanestro il primo cambio è il pivot Bertocchi. Sul suo parquet Oleggio è una squadra temibile,
in quanto ha conquistato tutte le 5 vittorie per i suoi attuali 10 punti in classifica e lo staff tecnico
rossoblù dovrà quindi preparare al meglio questa partita. Intanto in settimana è continuato il
lavoro costante, con una atmosfera che risente in positivo delle tre vittorie consecutive
conquistate, con i ragazzi e lo staff tecnico impegnati nel cercare di raggiungere quello che sembra
l’ultimo posto disponibile tra le formazioni che parteciperanno ai playoff. Un risultato che darebbe
ancora maggiore risalto ad una stagione che, seppur costellata da una serie di infortuni, è finora
positiva. L’incontro si gioca allo Sport Cube di Cameri, alle 21.00 di sabato 22 febbraio e sarà
diretto dai signori Spessot e Biondi.

FacebooktwittermailFacebooktwittermail