La Sintecnica Basket Cecina torna al successo battendo al termine di una partita molto impegnativa la formazione dei Knights Legnano per 68 – 63. Una vittoria festeggiata davanti ad un pubblico che ha sempre sostenuto i rossoblù e che rende meno amara la sconfitta a tavolino della gara di andata. La Sintecnica ha giocato di squadra, mettendo in mostra grande cuore e difesa in un mix che caratterizza da sempre i cecinesi e tirando meglio degli avversari da 2 punti e alla pari dalla linea dei liberi mentre Legnano ha fatto meglio da oltre l’arco. La difesa cecinese ha forzato 20 palle perse a Legnano, mentre ne ha perse solo 12. Tra i rossoblù ottima prova del capitano Pistillo che ha realizzato con buone percentuali e avendo grande collaborazione da parte di tutti i compagni. Legnano ha avuto due uomini in coppia cifra, Marino e Cepic, che sono stati anche gli ultimi ad arrendersi della squadra lombarda, che rischia di essere raggiunta al quarto posto da Pavia. Primi due quarti molto equilibrati con Legnano che ha chiuso all’intervallo avanti di 1 punto dopo che la Sintecnica ha comandato più a lungo nel punteggio. Terzo quarto che ha visto i rossoblù allungare grazie ad un’ottima difesa ponendo le basi per la vittoria che è stata poi difesa con grande cuore nella quarta frazione con Legnano che ha provato il tutto per tutto senza però mai riuscire a ridurre il distacco sotto i 3 punti. Un buon risultato per i rossoblù in vista del difficile impegno di domenica prossima in casa della seconda in classifica Vigevano.    

 

 

Sintecnica Basket Cecina 68

Knights Legnano                63

 

Parziali: 17-16, 15-17, 18-9, 18-21

Progressivi: 17-16, 32-33, 50-42, 68-63

Sintecnica Cecina: Banchi 8, Milojevic 8, Bianconi 8, Fioravanti 2, Pistillo 16, Sperduto 9, Zanini 8, Pellegrini, Ragagnin 9, Guerrieri. Allenatore: Sorgentone – Ass. Elmi

Knights Legnano: Marino 16, Casini 9, Leardini 7, Solaroli 6, Terenzi 9, Roveda, Pisoni, Cepic 14, Fattori 2, Dell’Acqua. Allenatore: Eliantonio

Arbitri: Gallo di Monselice e Di Rico di Venezia.

FacebooktwittermailFacebooktwittermail